A Serra San Bruno (VV) il XIV seminario internazionale “Biodiversity Management and Conservation”

Cala il sipario sulla quattordicesima edizione dell’International Seminar “BIODIVERSITY MANAGEMENT AND CONSERVATION” svoltosi, quest’anno (dal 6 all’11 giugno), a Serra San Bruno (VV) e che ha avuto come tematica specifica “Biodiversity and Sustainability: two important keywords for the future”. L’evento scientifico, che ha goduto, tra l’altro, anche del patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Biologi, è un appuntamento che si ripete con cadenza annuale sin dal 2007 in diversi stati europei con la partecipazione di studiosi e ricercatori provenienti da varie parti del mondo. Anche l’edizione 2022, come le altre che l’hanno preceduta, è stata organizzata da Carmelo Maria Musarella e Giovanni Spampinato del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Il Seminario Internazionale si è articolato in simposi tematici organizzati con lo scopo di mettere a confronto le ricerche svolte dai vari studiosi europei e di promuovere la diffusione della cultura scientifica. Diversi i focus (vedi programma in allegato) ognuno dei quali ha toccato differenti tematiche di rilevante interesse per il territorio (l’agricoltura, le foreste, la didattica, l’educazione e l’ecologia) che hanno fatto assumere all’evento anche un’importante valenza culturale. Grazie ai diversi simposi tematici e alle numerose relazioni è stato infatti possibile analizzare la biodiversità sotto tanti aspetti: il paesaggio, la vegetazione, la flora, l’etnobotanica, le produzioni tipiche, la fisiologia delle piante e l’educazione ambientale.

Il Seminario Internazionale ha, infatti, tradizionalmente il significato non solo di incontro scientifico, ma anche di evento in grado di stimolare un confronto e un dibattito su tematiche di rilevante interesse per la società.

A ciò ha contribuito la presenza di studiosi di alto livello scientifico provenienti dall’Italia ma anche dall’estero che hanno preso parte ai lavori con relazioni e comunicazioni. In particolare, tra i relatori si è segnalata la presenza del prof. Alessandro Chiarucci dell’Università di Bologna, presidente della Società Botanica Italiana; della prof.ssa Simonetta Bagella dell’Università di Sassari, presidente della Società Italiana di Scienza della Vegetazione; del prof. Carlos Pinto Gomes dell’Università di Évora (Portogallo), membro del Consiglio della Società Portoghese di Fitosociologia, e del prof. Eusebio Cano Carmona dell’Università di Jaén (Spagna), fondatore del Seminario Internazionale. Oltre alle sessioni scientifiche che hanno ospitato le relazioni dei partecipanti, nel corso del seminario sono state organizzate anche due escursioni nella meravigliosa cornice dell’area del Parco Regionale delle Serre, con varie tappe: Sentiero Frassati (Serra San Bruno-Mongiana), Villa Vittoria, Ferriere Borboniche, Riserva Marchesale, Bosco Archiforo, Bosco di Stilo, Monte Stella.

L’evento è stato patrocinato dalle più importanti e prestigiose società scientifiche e istituzioni amministrative.

Fonte news: Agraria Unirc.it