Vibo Valentia, al via il primo Festival dell’Ambiente per la difesa del pianeta. Il contributo dei Biologi

Ha preso il via a Vibo Valentia il primo Festival dell’ambiente città di Vibo Valentia. Una vera e propria full immersion organizzata dal Comune calabrese, per sensibilizzare gli studenti sulle buone prassi da adottare per difendere il pianeta Terra. Dal 30 maggio e fino al 5 giugno, spazio ad una settimana di incontri, dibattiti e mostre, ma anche attività didattiche che si svolgeranno tra Palazzo Gagliardi e Vibo Marina.

IL PATROCINIO DELL’ARPACAL
L’iniziativa gode, tra gli altri, anche del patrocinio dell’Arpacal, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria. Sulla base del calendario dell’evento, Arpacal – su impulso del direttore scientifico Michelangelo Iannone – ha esteso un nutrito programma su temi e attività che riguardano la protezione ambientale. Fino al 5 giugno, saranno offerte occasioni di conoscenze tecnico pratiche da parte di tecnici di alto profilo dell’agenzia, che svolgono servizio nei dipartimenti di Vibo Valentia (diretto dal dirigente chimico Clemente Migliorino); del dipartimento di Catanzaro (diretto dalla dirigente biologa Filomena Casaburi) e del Centro Regionale Arpacal di Strategia Marina – CRSM (diretto dal dirigente biologo Emilio Cellini).

IL CONTRIBUTO DELL’AGENZIA
Attraverso il contributo dei professionisti dell’agenzia, saranno affrontate le diverse sfide ambientali: l’emergenza microplastiche e rifiuti spiaggiati, su cui è programmato il contributo di Rosella Stocco, oceanografa, esperta in matrici ambientali marine (CRSM) mentre il fisico del Dipartimento di Catanzaro Salvatore Procopio, esperto di radioattività ambientale parlerà di monitoraggi del gas radon. Dal Dipartimento di Vibo, invece, interverranno l’ingegnere Pietro Capone, esperto di agenti fisici che parlerà delle misurazioni dei campi elettromagnetici e del 5G, e Fabrizio Fabroni, esperto in biologia ed ecologia marina, che farà conoscere agli studenti il vasto patrimonio di biodiversità dei mari calabresi. Preziosi, inoltre, i contributi del geologo Enzo Cuiuli, che illustrerà un importante studio sulla vulnerabilità degli acquiferi all’inquinamento e quello della dirigente del laboratorio chimico di Catanzaro, Mimma Ventrice, che spiegherà il controllo chimico sulle acque destinate al consumo umano.

Clicca per il programma Arpacal per il “Festival dell’Ambiente” a Vibo Valentia

Fonte news: Arpacal