“Alive” incontra le produzioni di olive da tavola italiane: a Rende (Cs) la tappa del progetto progetto finanziato dal Mipaaf con il patrocinio dell’ONB

Si è tenuta a Rende (Cosenza) la tappa calabrese di “Alive“, il progetto finanziato dal Mipaaf e coordinato dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Centro di ricerca olivicoltura, frutticoltura, agrumicoltura – CreaOfa) e dall’Università della Calabria (Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Vita), con il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Biologi, per caratterizzare e soprattutto valorizzare le olive da tavola e a duplice attitudine.

LA TAPPA DI RENDE (CS)
Venerdì 27 e nella giornata di sabato 28 maggio, l’appuntamento è andato “in scena” negli spazi dell’University Club, Ponte Bucci, dell’Università della Calabria di Rende (CS). Qui, l’ONB è stato rappresentato dal dott. Franco Scicchitano, consigliere nazionale dell’Ordine. Inoltre nel workshop del sabato, assieme all’ASPROL, è stata organizzata un visita guidata presso alcune aziende olivicole del territorio cosentino.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI DEL PROGETTO ALIVE
A seguire, venerdì 24 e sabato 25 giugno (sempre dalle 14,30 alle 17,30) “Alive” sbarcherà in Puglia con l’incontro di Torre Maggiore (Foggia) dove i Biologi saranno rappresentati dal dott. Maurizio Durini, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Biologi. Venerdì 9 e sabato 10 settembre, sarà la volta della Sicilia. Per la precisione di Trapani, dove, per l’ONB, ci sarà il vicepresidente Pietro Miraglia. Infine il quarto e ultimo incontro del 2022, a Roma, mercoledì 30 novembre (l’orario è sempre lo stesso), con il presidente dell’ONB Vincenzo D’Anna e il dott. Giovanni Misasi, già coordinatore della Commissione Ambiente, Paesaggio e Territorio dell’Ordine dei Biologi della Calabria.

Per ulteriori info e per scaricare il programma di “Alive”, clicca qui